FACCIAMO SQUADRA PER LEGGERE SUSSIDIARIO DEI LINGUAGGI 4

Il Sigillo Nero Un ragazzino, Geno Astor Venti sta per raggiungere l'Arx Mentis, un luogo in cui si concentrano i segreti di alchimisti e sciamani e si formano le menti più brillanti del pianeta. Arriverà al rifugio antico nella segretissima Valle dei Pensieri attraversando il Sigillo Nero di Madame Crikken, un’anziana signora che ha deciso di aiutare Geno a trovare i suoi genitori e a scoprire la verità. Attraversò via del Dolce Rosmarino in sella alla bici, pedalò velocissimo e, quando fu davanti alla villetta rosa di Madame Crikken, al numero 67, fece un profondo respiro. Aprì il cancello ed entrò nella casa che, a Campana di Sotto, tutti consideravano la dimora dei fantasmi. Vide subito l’anziana signora con un’espressione dolce sul viso che, in silenzio, lo invitava ad entrare nel magico Sigillo Nero, con il quale avrebbe raggiunto l’Arx Mentis. La prima sensazione che Geno provò nel Sigillo fu quella di un’enorme leggerezza. Il corpo sembrava non avere peso, intorno percepiva solo un alone di luce grigia. Sapeva perfettamente che il viaggio che lo attendeva, verso l’Arx Mentis, sarebbe stato una prova davvero impegnativa. A testa alta, con le braccia distese lungo i fianchi, si lasciò alle spalle il Sigillo Nero e s’incamminò verso l’ignoto. Improvvisamente fu accecato da un bagliore. Chiuse gli occhi. Lo scenario che si aprì davanti a lui subito dopo era spettacolare e rimase senza fiato. Chilometri e chilometri di dune sabbiose blu brillavano sotto un cielo di stelle giganti. I piedi nudi affondarono nella sabbia finissima bluastra, lasciandogli sulle caviglie e sulle dita piccoli granelli luccicanti. Il silenzio che governava quel luogo era irreale. Quel terreno, blu come la notte, che avvolgeva il deserto senza che nemmeno un granello di sabbia si spostasse, non finiva mai e, altra cosa sorprendente, era che i piedi non lasciavano alcuna orma. Di colpo il bagliore illuminò nuovamente il paesaggio e gli sembrò che ci fosse qualcuno alle sue spalle. D’istinto si girò. - Benvenuto, Geno Astor Venti. - Chi sei? Un fantasma? - chiese il ragazzo con voce calma e decisa. - No. Sono solo energia. Pensa a ciò che ti detta il cuore! - Il mio unico grande desiderio è abbracciare i miei genitori. - I tuoi genitori sono qui, in un luogo segreto dell’Arx Mentis. Sono stati rapiti dal sommo saggio Yatto Von Zantar, perché sono degli alchimisti: hanno inventato un farmaco, il Clona Fort, in grado di aumentare l’intelligenza delle persone. Io ti condurrò da loro. Sei pronto? Moony Witcher, Geno e il Sigillo Nero di Madame Crikken, Giunti junior Analizzo LUOGO ED ELEMENTI MAGICI • Completa. I fatti narrati si svolgono… - in un luogo realistico: Campana .............................. - in un luogo fantastico: il deserto blu e l’……………........... Mentis. • Evidenzia la sequenza descrittiva del luogo fantasy e rispondi a voce: perché è descritto in modo così dettagliato? • Sottolinea l’elemento magico: a che cosa serve? Comprendo SIGNIFICATO DEL TESTO • Rispondi a voce alle domande e scopri perché i personaggi si comportano in un determinato modo. - Perché Geno sta andando da Madame Crikken? - Perché i genitori di Geno sono nascosti nell’Arx Mentis? - Perché Geno pensa di parlare con un fantasma? Comprendo SIGNIFICATO DELLE PAROLE • Scopri chi sono gli alchimistie gli sciamani: con l’aiuto dell’insegnante consulta un dizionario online digitando queste parole chiave. Io mi valuto • So riconoscere le caratteristiche dei luoghi del fantasy: con facilità. con qualche difficoltà. con difficoltà.

Il Sigillo Nero


Un ragazzino, Geno Astor Venti sta per raggiungere l'Arx Mentis, un luogo in cui si concentrano i segreti di alchimisti e sciamani e si formano le menti più brillanti del pianeta. Arriverà al rifugio antico nella segretissima Valle dei Pensieri attraversando il Sigillo Nero di Madame Crikken, un’anziana signora che ha deciso di aiutare Geno a trovare i suoi genitori e a scoprire la verità.


Attraversò via del Dolce Rosmarino in sella alla bici, pedalò velocissimo e, quando fu davanti alla villetta rosa di Madame Crikken, al numero 67, fece un profondo respiro.

Aprì il cancello ed entrò nella casa che, a Campana di Sotto, tutti consideravano la dimora dei fantasmi. Vide subito l’anziana signora con un’espressione dolce sul viso che, in silenzio, lo invitava ad entrare nel magico Sigillo Nero, con il quale avrebbe raggiunto l’Arx Mentis.

La prima sensazione che Geno provò nel Sigillo fu quella di un’enorme leggerezza. Il corpo sembrava non avere peso, intorno percepiva solo un alone di luce grigia. Sapeva perfettamente che il viaggio che lo attendeva, verso l’Arx Mentis, sarebbe stato una prova davvero impegnativa.

A testa alta, con le braccia distese lungo i fianchi, si lasciò alle spalle il Sigillo Nero e s’incamminò verso l’ignoto.

Improvvisamente fu accecato da un bagliore.

Chiuse gli occhi. Lo scenario che si aprì davanti a lui subito dopo era spettacolare e rimase senza fiato.

Chilometri e chilometri di dune sabbiose blu brillavano sotto un cielo di stelle giganti. I piedi nudi affondarono nella sabbia finissima bluastra, lasciandogli sulle caviglie e sulle dita piccoli granelli luccicanti.

Il silenzio che governava quel luogo era irreale.

Quel terreno, blu come la notte, che avvolgeva il deserto senza che nemmeno un granello di sabbia si spostasse, non finiva mai e, altra cosa sorprendente, era che i piedi non lasciavano alcuna orma. Di colpo il bagliore illuminò nuovamente il paesaggio e gli sembrò che ci fosse qualcuno alle sue spalle. D’istinto si girò.

- Benvenuto, Geno Astor Venti.

- Chi sei? Un fantasma? - chiese il ragazzo con voce calma e decisa.

- No. Sono solo energia. Pensa a ciò che ti detta il cuore!

- Il mio unico grande desiderio è abbracciare i miei genitori.

- I tuoi genitori sono qui, in un luogo segreto dell’Arx Mentis. Sono stati rapiti dal sommo saggio Yatto Von Zantar, perché sono degli alchimisti: hanno inventato un farmaco, il Clona Fort, in grado di aumentare l’intelligenza delle persone. Io ti condurrò da loro. Sei pronto?

Moony Witcher, Geno e il Sigillo Nero di Madame Crikken, Giunti junior



Analizzo

LUOGO ED ELEMENTI MAGICI

• Completa. I fatti narrati si svolgono…

- in un luogo realistico: Campana ..............................

- in un luogo fantastico: il deserto blu e l’……………........... Mentis.

• Evidenzia la sequenza descrittiva del luogo fantasy e rispondi a voce: perché è descritto in modo così dettagliato?

• Sottolinea l’elemento magico: a che cosa serve?



Comprendo

SIGNIFICATO DEL TESTO

• Rispondi a voce alle domande e scopri perché i personaggi si comportano in un determinato modo.

- Perché Geno sta andando da Madame Crikken?

- Perché i genitori di Geno sono nascosti nell’Arx Mentis?

- Perché Geno pensa di parlare con un fantasma?